Archivi tag: mental health

Se esiste un modo, il modo sei TU!!!!

9
Non il cosa, ma il come….fa la differenza.

Le cose sono come sono, se lo sai. Le cose sono come sono, se non lo sai. (detto Zen)

La mente non è la realtà che guardi ma è COME guardi.

L’attitudine cambia l’esperienza.

Quando rinunci a resistere a quello che c’è e a bramare quello che non c’è, allora si svela la perfezione dell’imperfetto.

L’atteggiamento cambia lo sguardo prima e la realtà immediatamente dopo.

Il metodo sei tu, di volta in volta.

Guardare con occhi appena aperti. Immaginare copiosamente. Innaffiare il tutto di Gioia e con gioia.

Per il resto affidati, la Coscienza Illimitata di cui sei espressione, saprà cosa fare, resta in ascolto e mantieni pulita la mente e caldo il cuore, Iris.

Namastè.

Ikigai: l’intimo mandato dell’Anima.

ikigai1
Qual’è la tua ragion d’essere?

Si sta diffondendo questa pratica di cercare e trovare il proprio IKIGAI.

L’ikigai (生き甲斐) (iki-vivere,gai-ragione) è un concetto millenario giapponese, l’equivalente di espressioni italiane come “ragione di vivere” o “ragion d’essere”. (Wikipedia)

Martin Buber scrive nel suo “Il cammino dell’uomo”:

“In ognuno c’è qualcosa di prezioso che non c’è in nessun altro. Ma ciò che è prezioso dentro di sé, l’uomo può scoprirlo solo se coglie veramente il proprio sentimento più profondo, il proprio desiderio fondamentale, ciò che muove l’aspetto più intimo del proprio essere”.

Continua a leggere Ikigai: l’intimo mandato dell’Anima.

Rebirthing for Be Human: evoluzione e connessione

 

“Conosci te stesso e riconosci il tuo diritto alla felicità: riconoscere, integrare e lasciar andare”.

Rebirthing: il respiro che scioglie, purifica e nutre.

“Ciò che di più intimo hai è il tuo respiro, lui è con te da sempre e per sempre, conosce tutto, anche ciò che tu non ricordi, il più fedele indicatore di come stai veramente, il più potente strumento di liberazione, la porta alla gioia essenziale: respira, sei vivo!”

Ciclo di 8 incontri a cadenza mensile da ottobre a maggio, il venerdì sera dalle 20.30 alle 22.30/23.00

Calendario:
19 ottobre,
23 novembre,
14 dicembre,
18 gennaio,
22 febbraio,
22 marzo,
12 aprile,
17 maggio.

 

(tematiche proposte: bambino interiore, giudice interiore, patti di lealtà, giochi di ruoli nelle relazioni, le ferite emozionali, credenze limitanti, queste tematiche possono subire variazioni per meglio corrispondere alle esigenze del gruppo).

Il percorso include 1 file multimediale con una meditazione a tema, da eseguire tra un incontro e l’altro.

Iris Gioia A. Le Piane – Deva Rajani – è Counselor Olistico Transpersonale e Operatore
Olistico Professional Disciplinata ai sensi della legge 4/2013 e iscritta a SIAF italia codici LO-2215OP e LO697-CO.

Contatti 3292292273 – irisjoy1972@gmail.com – irisgioia1972 (SKYPE)

 

Risvegliarsi a sè stessi, con il sonno Yogico: YOGA NIDRA.

sleeping-goddess-at-the-lost-gardens-of-heligan-england-picture1-1024x380

Yoga Nidra non è inteso a produrre rilassamento, non direttamente almeno. Ma il rilasciare completamente tensioni ed attaccamenti è uno dei suoi effetti più tangibili.

Affonda le sue origini nell’antiche pratiche Tantriche del Mahanirvana Tantra (Il Tantra della Liberazione).

E’ un metodo per condurre ad una completa purificazione energetica, fisica, mentale ed emozionale, favorisce lo scioglimento delle tensioni muscolari, frutto di squilibri dei sistemi nervoso ed endocrino, quelle a carico del mentale, causate da un’eccessiva tendenza al turbinio dei pensieri automatici, e quella emozionale, che nascono dalla comune tendenza ad interpretare il reale attraverso concetti che esprimono dualismo e contrapposizione (amore/odio, felicità/infelicità, giusto/sbagliato, ecc.).

Yoga Nidra purifica le porte della percezione e ti permette di scendere consciamente in contatto col profondo,  durante la pratica,  la mente inizia ad emettere onde Alfa e Theta. Le onde Alfa hanno una frequenza che va da 8 a 14 Hz. Compaiono quando noi siamo in uno stato rilassato ma vigile, quando la nostra mente è calma e concentrata. Appaiono quando meditiamo o pratichiamo Yoga.  Le onde Theta invece hanno una frequenza che va da 4 a 8 Hz e vengono emesse quando siamo in uno stato profonda di meditazione, sono onde cerebrali creative ed ispirano una profonda spiritualità. Le onde Theta ci permettono di accedere al proprio Sè Superiore.

La pratica di Yoga Nidra verrà eseguita a seguito di una breve sequenza di asana e yoga flow per favorire la distensione e il rilascio e preparare il corpo e la mente.

Portate il vostro corpo e il vostro respiro, tappetino e coperta.

Ti Aspetto per condurti nel viaggio più meraviglioso, quello in TE.

Iris Gioia Deva Rajani.

 

 

Yoga-Nidra-2

“L’uomo è debole perché dipende solo dal suo intelletto e dalle informazioni dei sensi. Ma, una volta aperte le porte alla mente più profonda – e riposate in yoga nidra – vi troverete alle radici della creatività. Nella mitologia induista il simbolo di yoga nidra è il Signore Narayana che riposa su un oceano di latte. Egli è sdraiato su un grande serpente con molte teste e la bellissima Lakshmi gli massaggia i piedi. Dal suo ombelico emerge un fiore di loto sul cui pericarpo si trova seduto il Signore Brahma, simbolo dell’inconscio. Ciò significa che in yoga nidra si manifesta il vostro inconscio. Swami Satyananda Saraswati

Autoguarigione ed equilibrio con il Rebirthing

                 Il Respiro o ReBirthing è una tecnica bioenergetica  che si propone come obiettivo l’integrazione di vecchi schemi energetici immagazzinati nel corpo, derivanti da traumi psico fisici ed emozionali. Questi schemi possono essere definiti come depositi contenenti sensazioni, emozioni, percezioni e pensieri inscritti a livello cellulare e che sono in grado di condizionare le nostre risposte fisiche ed emotive innescando reazioni dette adattamenti coercitivi: in passato non si è potuto o voluto consentire a una qualche emozione, come per esempio rabbia, paura o frustrazione, di manifestarsi pertanto essa rimane repressa; registrata nel corpo a livello cellulare e molecolare e trasportata nel nostro presente attraverso i ripetuti cicli di mitosi cellulare, dove la nuova cellula eredita l’informazione dalla vecchia genitrice morente.

Ecco alcuni benefici documentati a livello scientifico:

  1. Attraverso diversi ritmi di respiro vengono stimolate fibre di diverso diametro del nervo vago: ne consegue una coerente modulazione di vari centri nervosi.
  2. Aumenta la neuro plasticità (stimola la produzione di fattori neuro plastici)
  3. Migliora le connessioni interemisferiche
  4. L’effetto positivo nel trattamento della Sindrome da Stress Post Traumatico è stato spiegato con la possibilità di stimolare l’amigdala ed evocare la memoria emotiva dissociando dal ricordo dell’evento scatenante.

Benefici della respirazione sulla fisiologia umana

  1. Stress: riduce il cortisolo ematico ed il lattato, indicatori dello stress.
  2. Sistema immunitario: diversi studi hanno evidenziato un incremento significativo di cellule Natural-Killers nei praticanti del respiro
  3. Sistema endocrino: evidenti gli effetti di riequilibrio sul Sistema Endocrino
  4. Invecchiamento cellulare: vari studi hanno evidenziato che la pratica quotidiana del respiro induce un aumento degli enzimi anti ossidativi proteggendo le cellule dai radicali liberi che ne causano l’invecchiamento
  5. Allevia ansia, stress, frustrazione: il respiro fornisce un supporto determinante nel superare molte abitudini/dipendenze, dall’eccesso di alcool e cibo al fumo che sono spesso dannose strategie di ripiego per affrontare disagio, stress, ansia, frustrazione.

Prenditi cura di te.

Iris Gioia Deva Rajani

Fonti: Studio effettuato presso il Dipartimento di Neuroscienze dell’A. O. Fatebenefratelli e Oftalmico di Milano effettuato dal Dr. Mencacci; Dr.ssa Stefania Doria; Dr.Roberto Sanlorenzo biologo molecolare. 

Abitudine: un abito che non riesci più a togliere.

 

                Ti è capitato di vivere un’abitudine particolarmente difficile da abbandonare? A livello neuro scientifico stiamo parlando di un automatismo, un circuito neuro chimico che non necessita del nostro discernimento del momento, per gestire un’azione o comportamento con successo, vediamo alcuni esempi:

  • dai più innocui e utili: respirare, guidare, comporre un numero di telefono, andare in bicicletta, banalmente camminare….
  • a quelli un po’ più subdoli e nascosti, l’abitudine a scusarsi, a spiegare, ad interrompere, a programmare cosa dire mentre l’altro ancora ci sta parlando,
  • alle vere e proprie dipendenze: fumo, alcool, cibo, sesso, interazioni sui social.
sfondo-di-una-cella-di-prigione-buia_1194-7364
Abituarsi alla stessa realtà

Neurochimicamente succede questo: il comportamento si è ripetuto nel tempo, attivando nel cervello intere porzioni di reti sinaptiche, totalmente dedicate a quel comportamento o ambiente, e ogni volta che la ripetiamo, questa rete neurale diviene sempre più forte ed automatica. Nel caso delle dipendenze o abitudini consolidate il problema è  la sensazione che scaturisce da il gesto, il comportamento, la persona o gruppo. Quando diventa sensazione, la “palla” passa al corpo che letteralmente si nutre di sostanze endogene, (cioè prodotte dal corpo stesso), neurotrasmettitori molto potenti: per dirne alcune adrenalina o noradrenalina come eccitanti e stimolanti, serotonina , dopamina, endorfine e ossitocina: il quartetto magico della felicità, come sedativi, oppiacei ed euforizzanti.

In pratica dentro di te c’è un pusher ben fornito. (^___^)

Partiamo dall’Etimologia, perchè è curioso:

Abitare, abito (vestito),  ed abitudine, hanno radici etimologiche molto simili, e rispettivamente: habere=avere, habitu(m)=caratteristica esteriore, habitus=modo di essere.

Ovvero la triste storia di come CIO CHE HAI, finisce per diventare CIO’ CHE SEI, attraverso il tunnel di CIO’ CHE MOSTRI FUORI, e del plauso che ne ricevi, e senza di questo “CIO'” tu non sai più chi sei, ti sembra di non esistere, pertanto sei letteralmente Abitato (posseduto) da qualcosa che ti si incolla addosso, come un Abito stretto, e si compie come Abitudine.

E addio alla spontaneità.

Ora io lo trovo un po’ drammatico e credo valga la pena di stimolare una riflessione a riguardo. Stiamo parlando di dipendenza. Di coazione a ripetere. Di schemi ciclici di comportamento. Di impossibilità di cambiare ed evolvere.

uomo-con-prigione-nel-petto
La prigione è dentro

E ora le buone notizie:

l’Abitudine che ti Abita e che indossi come un Abito stretto… si può scardinare, ti giuro che si può, tuttavia il percorso è individuale, dipende dalla tua storia, o meglio dalla storia che credi essere tua.

Intanto comincia a prestare attenzione a ciò che scegli veramente.

Buon cammino.

Iris Gioia Deva Rajani

 

 

 

 

 

 

 

Fare pace col tempo: l’Adesso.

the_persistence_of_memory

L’Adesso è fuggente, non appena ne parliamo già non è più, inafferrabile, impossibile da trattenere o da conservare, eppure è l’unica cosa che abbiamo.

Potremmo pensare che una giornata è composta da un susseguirsi di Adesso. Ma ad uno sguardo più attento questo momento è l’unico momento che abbiamo. Non ve ne sono altri. Temo pertanto che l’adesso oggetto di anticipazione o di memoria sia solo un’astrazione della mente. Adesso non è dopo e non è prima.

L’Adesso è sempre. E’ SEMPRE ADESSO.

Quando ci sentiamo a disagio, inevitabilmente stiamo “litigando” con l’Adesso, di base non lo stiamo accettando e siamo riluttanti ad accoglierlo per quello che è. Investiamo in qualcosa che non esiste (il futuro), al fine di cambiare il presente, conformandone il contenuto alle nostre aspirazioni e prendiamo a considerarlo un nemico. Ugualmente tanto più restiamo ancorati al contenuto di un adesso che non è più, tanto più l’unico vero Adesso che abbiamo ci risulterà avverso e non lo accetteremo.

Ed eccoci schiavi del Tempo. Ed eccoci intrappolati nella mente. Ed eccoci assenti al presente.

Continua a leggere Fare pace col tempo: l’Adesso.